La valutazione psicodiagnostica permette di effettuare una valutazione della persona che tenga in considerazione la storia medica, psicologica, familiare, relazionale di chi richiede l’intervento avvalendosi di strumenti quali il colloquio clinico e i test.
Solitamente per la valutazione si utilizza una batteria di test che consente di giungere, insieme all’osservazione e al colloquio clinico, ad una valutazione globale del soggetto.
Un’adeguata valutazione del problema del paziente consente di comprendere il tipo di disturbo, la gravità con cui si manifesta e consente di pianificare un intervento psicologico adeguato.

La valutazione psicodiagnostica risulta fondamentale sia nell’ambito clinico che peritale.